Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI POLLI DE LI VITTURALI

Giuseppe Gioacchino Belli

Lo sapémo che ttutti sti carretti
De gabbie de galline e cceste d’ova
Viengheno da la Marca: ma a cche ggiova
De sapello a nnoantri poveretti?

Pe nnoantri la grasscia nun ze trova.
Le nostre nun zò bbocche de guazzetti.
Noi un tozzo de pane, quattr’ ajjetti,
E ssempre fame vecchia e ffame nova.

Preti, frati, puttane, cardinali,
Monziggnori, impiegati e bbagarini:
Ecco la ggente che ppò ffà li ssciali.

Perché ste sette sorte d’assassini,
Come noantri fussimo animali,
Nun ce fanno mai véde li quadrini.

28 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 350 volte