Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pronto? pronto? Più forte, nun se sente...
È lei, sor conte, ch'ha telefonato?
Che? voleva parlà co' l'avvocato?

Nun c'è: sta fòra: è ito da un criente.
Vò sapé s'aritorna? Nun so gnente:
lui m'ha lassato sola, m'ha lassato...
Che dice? viè qua lei? come? ch'è stato?
Dico... sor conte, che je sarta in mente?

E già... ciamancherebbe puro questa!
Se viè nu' j'apro... nu' je la do vinta...
Pe' chi m'ha preso? So' 'na donna onesta!

Embè, la pianta? gnente ce vô un pugno?
Lei badi come parla, ché so' grinta
de daje 'sto telèfeno sur grugno!



Questa poesia è stata letta 1007 volte