Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ANTRO È PPARLÀ DDE MORTE, ANTRO È MMORÍ

Giuseppe Gioacchino Belli

Eh, bbisoggna trovàccese, sor Diego,
Ar caso che vve tajjino er boccino.
Se ffa ppresto de dillo: io me ne frego;
Ma, ar fatto è un’antra sorte de latino.

Oh incirca a le vertú, nnun ve lo nego,
Un assassino è ssempre un assassino.
Però, la vita, nun zo ssi mme spiego,
Tanto va a ssangue a un re, cquant’a un burrino.

M’aricorderò ssempre un marvivente,
Che l’aveva davero er cor in petto,
E cche la morte je pareva ggnente.

Eppuro, ar punto de perde la vita,
Spennolava la testa sur carretto,
Che sse sarebbe creso un gesuita.

30 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 1662 volte