Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Lassa ste vanità: llassele, sposa.
Ar monno, bbella mia, tutto finissce.
Come semo arrivati ar profi cissce,
Addio vezzi, addio fibbie, addio ‘ggni cosa.

Quanto te credi de fà la vanosa
Co ste pietrucce luccichente e llissce?
Diescianni, venti, trenta; eppoi? sparissce
La ggioventú, e cche ffai, povera Rosa?

Er fempo, fijja, è ppeggio d’una lima.
Rosica sordo sordo e tt’assottijja,
Che ggnisun giorno sei quella de prima.

Dunque nun rovinà la tu’ famijja:
Nun mette a rrepentajjo la tu’ stima.
Lassa ste vanità; llassele, fijja.

31 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 537 volte