Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quanto me fanno ride tant’e ttanti
Co le su’ divozzion de doppo morte!
E llimosine, e mmesse, e llumi, e ccanti.
E llascite, e indurgenze d’oggni sorte!

Nun hanno fatto mai ccusí li santi.
Bbisoggna in vita empíssele le sporte.
Er bene, si lo vòi, mànnel’ avanti
A ffàtte largo e spalancà le porte.

Sapete Iddio de llà ccosa v’intòna
Quanno er bene sciarriva pe ssiconno?
«Annate via, canajja bbuggiarona.

La rrobba vostra me la date adesso,
Perché l’avevio de lassà in ner monno,
E nnun potevio strascinalla appresso.»

31 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 282 volte