Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dàjjela co sto lòtono futtuto.
Pe mmé nnun zo ccapí ccosa v’importa.
«E ccos’aveva? E dde che mmale è mmorta?»
De mancanza de fiato: ecco saputo.

Sarà er male ch’er medico ha vvorzuto.
Uno n’ha dda viení cche cce se porta.
So cch’è spirata, e mmanco se n’è accorta,
E ss’è ttrova de llà ccome sto sputo.

Ihí che gguai! Nun me ne pijjo io
Che mm’era mojje, e vv’affriggete voi!
Bbisoggna fà la volontà de Ddio.

Credo che mm’abbi messe tante corna,
Pe ddílla in confidenza cqui ffra nnoi,
Che mmó ssalut’ a mmé ffin c’aritorna.

31 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 423 volte