Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BENE PE LI MORTI

Giuseppe Gioacchino Belli

Oggi se dà ccomincio all’ottavario
De li poveri morti; e ddite puro
Che ttra ppredica, moccoli, e rrosario,
Se vòta er purgatorio de sicuro.

Se sa, a le donne, llí mmezz’ a lo scuro,
Quarche ppízzico ar culo è nnescessario.
Quarche smaneggio tra la porta e ‘r muro
Serve a li vivi pe un tantin de svario.

Ecco er fine de tante bbaraonne
De regazze che vvanno pe le cchiese.
Quest’è ‘r carnovaletto de le donne.

Tutte sciànno piú o mmeno er zu’ racchietto,
E llí, ssiconno er genio der paese,
Fanno l’amore senza dà ssospetto.

1 novembre 1833

Questa poesia è stata letta 550 volte