Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CONFESSORE DE MANICA LARGA

Giuseppe Gioacchino Belli

Doppo morta mi’ madre, io da zitella
Fascevo le mi’ sante devozzione
Da un certo padre Bbiascio bbennardone,
Che mm’annava inzeggnanno st’istoriella.

Me disceva accusí: «Ffijja mia bbella,
Trall’opere cattive e cquelle bbone
Bbisoggna abbadà bbene all’intenzione,
Pe nnun confonne mai questa co quella.

Ecco, pe ssemprigrazzia, io te do un bascio.
Si ttu lo pijji per offenne Iddio,
Questo, fijja, è peccato; e vvàcce adascio.

Ma ssi ttu nner pijjatte er bascio mio
Vòi dà ggusto ar Ziggnore e ar padre
Bbiascio, Pijjelo, fijja, e ffa’ comme facci’io».

1 novembre 1833

Questa poesia è stata letta 465 volte