Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io Papa?! Papa io?! fussi cojjone!
Sai quant’è mmejjo a ffà lo scarpinello?
Io vojjo vive a mmodo mio, fratello,
E nnò a mmodo de tutte le nazzione.

Lèveje a un omo er gusto de l’uscello,
Inchiodeje le chiappe s’un zedione,
Mànnelo a spasso sempre in priscissione
E cco le guardie a vvista a lo sportello:

Chiudeje l’osteria, nègheje er gioco,
Fàllo sempre campà cco la pavura
Der barbiere, der medico e dder coco:

È vvita da fà ggola e llusingatte?
Pe mmé, inzin che nun vado in zepportura
, Maggno un tozzo e arittoppo le sciavatte.

16 novembre 1833

Questa poesia è stata letta 378 volte