Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun ce vò mmica tanto, Monziggnore,
De stà llí a ssede a ssentenzià la ggente
E dde dí: cquesto è reo, quest’è innoscente.
Er punto forte è de vedejje er core.

Sa cquanti rei de drento hanno ppiú onore
Che cchi de fora nun ha ffatto ggnente?
Sa llei che cchi ffa er male e sse ne pente
È mmezz’ angelo e mmezzo peccatore?

Io sò lladro, lo so e mme ne vergoggno:
Però ll’ obbrigo suo saría de vede
Si ho rrubbato pe vvizzio o ppe bbisoggno.

S’avería da capí cquer che sse pena
Da un pover’ omo, in cammio de stà a ssede
Sentenzianno la ggente a ppanza piena.

21 novembre 1833

Questa poesia è stata letta 897 volte