Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Si me ce so' trovata, sor Ghetano?
Quanno vennero giù, stavo lì sotto!
Faceveno er trapeso americano;
Quanno quello più basso e traccagnotto,

Facenno er mulinello, piano piano,
Se mésse sur trapeso a bocca sotto,
Areggenno er compagno co' le mano.
Mentre stamio a guarda', tutt'in un botto

Se rompe er filo de la canoffiena,
Punfe!, cascorno giù come du' stracci.
Che scena, sor Ghetano mio, che scena!

Li portorno via morti, poveracci!
Sur sangue ce buttorno un po' de rena,
E poi vennero fora li pajacci.



Questa poesia è stata letta 2142 volte