Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GRANN’ ACCADUTO SUCCESSO A PPERUGGIA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma cche ffatti se senteno, eh Strijjozzo?
Manco fussimo ar tempo de Nerone.
Legà in der zonno un povero padrone
E bbuttallo in camiscia drent’ar pozzo!

Striggneje, sarv’oggnuno, er gargarozzo
Co un fazzoletto bbianco de cottone!
Ficcajje un stracc’in bocca, e cco un bastone
Incarzajjelo ggiú ssino in der gozzo!

Pe arrubbà cquattr’ argenti e cquarc’ anello
C’era bbisoggno mó, ffijji de cani,
De fà ttutto st’orrore de sfraggello?

Volete ammazzà un omo oggi o ddomani?
Eh bbuggiaravve, pijjate un cortello
E ammazzatelo ar meno da cristiani.

5 gennaio 1834

Questa poesia è stata letta 1093 volte