Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quello?! Ma ppropio lui?! Jeso, che ssento!
Io casco dalle nuvole, Terresa.
Quer vecchietto che stava sempre in chiesa
Inginocchione avanti ar Zagramento?!

Un quartino, a una scatola che ppesa
Quattr’ onc’ e mmezz’ e ppiú dde sol argento!
Ggnente de meno ch’er mille pe ccento!
Oh questa mó è la prima che ss’è intesa.

Fregheli, che assassini che sse danno!
Fà ste lusúre, e ppoi maggnasse er peggno
L’istesso ggiorno che ffinissce l’anno!

Uh ffuss’io Papa! a st’animacce porche
Je vorebbe imparà ssi dde che lleggno
Se frabbica la scala de le forche.

10 gennaio 1834

Questa poesia è stata letta 1109 volte