Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GOVERNO DER TEMPORALE

Giuseppe Gioacchino Belli

Ôh, ppenzateve un po’ ccome volete
Ch’er reggno ar Papa je l’ha ddato Iddio,
Io sto cco le parole de don Pio:
«Sete cojjoni assai si cce credete».

E Ggesucristo ar popolo ggiudio
Sapete che jje disse? eh? lo sapete?
«Io sò vvienuto in terra a ffà da prete,
E nnun è dde sto monno er reggno mio.»

Che bbella cosa saría stata ar monno
De vede er Nazzareno a ffà la guerra
E a scrive editti fra vviggijja e ssonno!

E, dde ppiú, mmannà ll’ommini in galerra,
E mmette er dazzio a le sarache e ar tonno
A Rripa-granne e a la Dogàn-de-terra.

13 gennaio 1834

Questa poesia è stata letta 346 volte