Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Immezzo all’orto mio sc’è un arberone,
Solo ar monno, e oramai tutto tarlato:
Eppuro fa er zu’ frutto oggni staggione
Bbello a vvede, ma ascerbo e avvelenato.

Ricconta un libbro che da quanno è nnato
È vvienuta a ppotallo oggni nazzione;
Ma er frutto c’arifà ddoppo potato
Pizzica che nemmanco un peperone.

Quarchiduno me disce d’inzitallo,
Perché accusí er zu’ frutto a ppoc’ a ppoco
Diventerebbe bbono da maggnallo.

Ma un Carbonaro amico mio me disce
Che nnun c’è antro che ll’ accetta e ‘r foco,
Perché er canchero sta in ne la radisce.

15 gennaio 1834

Questa poesia è stata letta 1119 volte