Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sí, ccommare: pe ggrazzia der Ziggnore
E de sant’Anna mó ttutt’è ffinito.
Si ssapessi però cquanto ho ppatito!...
Vergine! e cche ssarà cquanno se more?

E cco ttutto sto tibbi de dolore
C’è ttanta rabbia de pijjà mmarito?!
E ammalappena avemo partorito
Ce la famo arifà?! Cce vò un gran core.

Ricconta la mammana, che cc’è stata
‘Na Santa, che li Papi la mettérno
Drent’ar Martirologgio pe Bbeata,

Che ppe ddà a le su’ moniche arto arto v Un essempio der cruscio de l’inferno,
L’assomijjava a li dolor der parto.

4 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 271 volte