Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CASA SCUMMUNICATA

Giuseppe Gioacchino Belli

No, nno, cce n’ho d’avanzo de le pene
De da bbrutta casaccia mmaledetta,
Che sta sí cche cce sto, ccredeme, Bbetta;
Io nun ho avuto ppiú un’ora de bbene.

Cqua cciò abbortito: cqua cciò perzo Irene:
Cqua cciò impeggnato inzino la cassetta:
Cqua mmi’ marito pe un fraudo a Rripetta
Me l’hanno messo a spasseggià in catene.

Cqua inzomma te so ddí, ccommare mia,
Credessi d’annà ssotto ar Colonnato
De San Pietro, tant’è, vvojjo annà vvia.

Ché ar meno llà nnun ce sarà un curato,
C’a’ ‘ggni pelo che ffate d’ alegria
Ve viè a mmette in ner culo ch’è ppeccato.

5 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 335 volte