Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI MIRACOLI DE LI QUADRINI

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi ha cquadrini è una scima de dottore,
Senza manco sapé sscrive né llègge:
Pò sparà indove vò rròtti e scorregge,
E ggnisuno da lui sente er rimore.

Pò avé in culo li ggiudisci, la lègge,
L’occhio der monno, la vertú, e l’onore:
Pò ffà mmagaraddio, lo sgrassatore,
E ‘r Governo sta zzitto e lo protegge.

Pò ingravidà oggni donna a-la-sicura,
Perché er Papa a l’udienza der giardino
Je bbenedisce poi panza e ccratura.

Nun c’è ssoverchiaria, nun c’è rripicco,
Che nun passi coll’arma der zecchino.
Viva la faccia de quann’-uno-è-rricco!

11 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 336 volte