Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ve lo diremo noi chi sso sti zzeri
Che mmarceno in strozzino pavonazzo,
E in carzettacce nere de strapazzo
Pe ffodera a cquer par de cannejjeri.

Quelli sò ttutti-quanti cammerieri,
Cammerieri segreti de Palazzo,
E a Rroma, grazziaddio, sce n’è uno sguazzo
Da ingravidà un mijjón de monisteri.

Ve lo diremo noi chi ssò ste turbe
A mmezz’abbate e mmezzo monziggnore:
Sò pprelati de titolo estra-urbe.

C’oggni tantino, pe mmutà er colore
De le carzette, da ggentacce furbe
Vanno a la viggna e llí sse fanno onore.

13 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 300 volte