Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA TRAGEDIA.

Cesare Pascarella

Fanno ar Quirino 'na tragedia in prosa
Che si la vedi, fio, te fa terrore.
Er fatto è quasi uguale ar «Trovatore»,
Ma er fatto proprio, è tutta un'antra cosa.

C'è er prim'omo ch'è l'asso! L'amorosa
Quanno che parla te commove er core,
E c'è er tiranno che ar terz'atto more,
Perché la prima donna nu' lo sposa.

C'è un assarto: uno solo contro sei,
C'è l'amoroso che diventa matto,
E c'è 'na guerra tra cristiani e ebrei.

Ma c'è la chiusa poi dell'urtim'atto,
Quanno che lui s'ammazza e ammazza lei,
Che, te dico, m'ha proprio soddisfatto.



Questa poesia è stata letta 1148 volte