Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI VESCOVI VIAGGIATORI

Giuseppe Gioacchino Belli

Avete visto mai ne la staggione
Tra er fin d’aprile e ‘r principià dde maggio
Come le rondinelle faccennone
Ricominceno a nnuvoli er passaggio?

Ccusí appena ch’ er Papa ha er ber coraggio
De fà a Rroma quarc’antra promozzione,
Se vedeno cqua e llà mmettese in viaggio
Li vescovi scordati in d’un cantone.

E ttutti co la faccia piaggnolosa
Vanno a Ppalazzo pe ttentà la sorte
De ruspà lloro puro quarche ccosa.

Presto però ss’accòrgeno a la Corte
Che la Cchiesa che ppreseno pe sposa
Li vò a lletto co llei sino a la morte.

14 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 298 volte