Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MOJJE DISPERATA

Giuseppe Gioacchino Belli

Di’, animaccia de Turco: di’, vvassallo:
Di’, ccoraccio d’arpía, testa de matto:
Nun t’abbasta no er male che mm’hai fatto,
Che mme vòi strascinà ppropio a lo spallo?!

Arzà le mano a mmé?! ddiavolo fàllo!
Pròvesce un po’, cche ddo de mano a un piatto
E ccom’è vvero Cristo te lo sbatto
Su cquela fronte che cciài fatto er callo.

Nun vòi dà ppane a mmé, brutto caroggno?
Portelo ar meno a st’anime innoscente
Che spireno de freddo e dde bbisoggno.

Tira avanti accusí: ffàlle ppiú bbrutte.
Dio nun paga oggni sabbito, Cremente;
Ma ppoi viè cquella che le sconta tutte.

16 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 317 volte