Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E cc’affari vòi fà? ggnisuno more:
Sto po’ d’aria cattiva è ggià ffinita:
Tutti attaccati a sta mazzata vita...
Oh vva’ a ffà er beccamorto con amore!

Povera cortra mia! sta llí ammuffita.
E ssi vva de sto passo, e cqua er Ziggnore
Nun allúmina un po’ cquarche ddottore,
La profession der beccamorto è ita.

L’annata bbona fu in ner disciassette.
Allora sí, in sta piazza, era un ber vive,
Ché li morti fioccaveno a ccarrette.

Bbasta...; chi ssa! Mmatteo disse jjerzera
C’un beccamorto amico suo je scrive
Che cc’è cquarche speranza in sto collèra.

18 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 868 volte