Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er guajo nun è mmica che cqui oggn’anno
Ar Governo nun fiocchino proscessi:
Li delitti, ppiú o mmeno, sò l’istessi,
E, ppe ggrazzia de Ddio, sempre se fanno.

Ecchelo er punto indove sta er malanno:
Che mmó li ggiacubbini se sò mmessi
Drent’a li loro scervellacci fessi
Ch’er giustizzià la ggente è da tiranno.

Nò cc’abbino li preti st’oppiggnone:
Sempre però una massima cattiva,
Dàjje, dàjje, la fa cquarch’impressione.

E accusí, ppe llassà la ggente viva
S’innimmicheno er boja, ch’è er bastone
De la vecchiaja de li Stati. Evviva!

18 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 1079 volte