Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ch’er mercordí a mmercato, ggente mie,
Sce ssiino ferravecchi e scatolari,
Rigattieri, spazzini, bbicchierari,
Stracciaroli e ttant’antre marcanzie,

Nun c’è ggnente da dí. Ma ste scanzie
Da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,
Che cce vienghen’ a ffà? ccosa sc’impari
Da tanti libbri e ttante libbrarie?

Tu ppijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo
Che ll’hai tienuto pe cquarc’ora in mano,
Dimme s’hai fame o ss’hai maggnato troppo.

Che ppredicava a la Missione er prete?
«Li libbri nun zò rrobba da cristiano:
Fijji, pe ccarità, nnu li leggete».

20 marzo 1834

Questa poesia è stata letta 764 volte