Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’INDURGENZE LITICATE

Giuseppe Gioacchino Belli

Quanto a le carte poi de l’indurgenza
Ch’er Papa fa bbuttà ggiú ddar loggione,
Trattannose d’affar de riliggione
Nun ce vò un cazzo tanta conveggnenza.

Saría bbella che ddoppo la pascenza
D’aspettà un’ or’ e ppiú ssu lo scalone,
Quanno poi viè vvolanno er cedolone
S’avessi d’acchiappà cco la prudenza!

Chi ppijja pijja: e llí vvedi er cristiano:
Lí sse scopre chi ha ffede e cchi ha rrispetto
Pe le sante indurgenze der zovrano.

Io so cc’a fforza de cazzott’in petto
E dd’èsse, grazziaddio, lesto de mano,
Sempre ne porto via quarche ppezzetto.

1 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 991 volte