Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZICONNO PECCATO

Giuseppe Gioacchino Belli

Ch’er zor Caino doppo er fatto d’Eva
Ammazzassi quer povero innoscente,
Fin qui nnun c’è dda repricacce ggnente:
Questo è un quattr’ e cquattr’otto, e sse sapeva.

La gran difficortà cch’io tiengo in mente
E cche ggnisuno ancora me la leva,
È ccome mai caino conossceva
Che le bbòtte ammazzassino la ggente.

Prima de quella su’ bbricconeria
Ggnissun omo era mai morto ammazzato,
E mmanco morto mai d’ammalatia.

Volemo dunque dí cche ddar peccato
De maggnà un fico pe jjottoneria
Er genio d’ammazzà nnaschi imparato?

3 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 332 volte