Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CARDINALE DE PASTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Cristo, che ddivorà! Ccome ssciroppa
Quer Cardinale mio, Dio l’abbi in pasce!
E la bbumba? Cojjoni si jje piasce!
Come ssciúria, per dio! come galoppa!

Quello? è ccorpo da fà bbarba de stoppa
A un zei conventi: ché ssaría capasce
De maggnajjese er forno, la fornasce,
Er zacco, er mulo, e ‘r mulinaro in groppa.

Lui se sfonna tre llibbre de merluzzo,
Quann’è vviggijja, a ccolazzione sola:
Capite si cche stommichi de struzzo?

Oh a lui davero er don de l’appitito
Lo sarva dar peccato de la gola,
Perché appena ha mmaggnato ha ggià smartito.

3 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 338 volte