Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Senteme questa se nun è carina:
Checco er portiere, ch'era condannato
a sette mesi per avé rubbato,
pensò de fa' un'istanza a la Reggina.

Doppo tre o quattro giorni, una matina
j'ariva un anveloppe siggillato:
l'apre, lo legge... e sai che cià trovato
scritto drento a la lettera?... Indovina!

O sia che c'è 'no sbajo ner cognome,
o sia che pe' risponne troppo presto
j'hanno fatto un impiccio, o nun so come,

er fatto sta che er povero portiere,
invece de la grazzia che j'ha chiesto,
è stato nominato cavajere!



Questa poesia è stata letta 2666 volte