Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA GGIRÀNNOLA DER 34

Giuseppe Gioacchino Belli

Ce fussi a la ggirànnola jjerzera?
Ma eh? cche ffuntanoni! eh? cche scappate!
Quante bbattajjerie! che ccannonate!
Cristo, er monno de razzi che nun c’era!

E la vedessi quela lusce nera
C’ussciva da le fiamme illuminate?
Nun paréveno furie scatenate
Che vvienissin’ a ffà nnas’ e pprimiera?

E ll’Angelo che stava in de l’interno
De quer fume co ttutto er zu’ palosso,
Nun pareva un demonio de l’inferno?

E ‘r foco bbianco? e ‘r foco verde? e ‘r rosso?
Disce che inzino a cquelli der Governo
Je parze avé sti tre ccolori addosso!

4 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 1123 volte