Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ccqua cc’è un Vicario de Ddio nipotente:
C’è un Vicario, vicario der vicario:
E pper urtimo c’è un Vicereggente
Vicario der vicario der vicario.

Ste distinzione cqui ttiettel’ a mmente
Pe nnun sbajjà vvicario co vvicario:
Ché una cosa è vvicario solamente,
Antra cosa è vvicario de vicario.

Ccusí er primo commanna sur ziconno,
Er ziconno sur terzo, e ttutti poi
Commanneno su ttutto er mappamonno.

Tira adesso le somme come vòi,
Smovi er pancotto, e ttroverai ner fonno
Che cchi ubbidissce semo sempre noi.

6 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 469 volte