Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Stateme bben attente, che vve vojjo
Spiegà cche ssò li nuvoli, sorelle.
Sò ttante pelle gonfie, ugual’ a cquelle
Che cqui a Rripetta sce se mette l’ojjo.

Me sò ffatto capí? Ddunque ste pelle
S’empieno d’acqua e de tutto l’imbrojjo
De grandine e dde neve. Oh, mmó vve ssciojjo
Er come Iddio pò ffà ppe sostenelle.

Iddio manna li spiriti folletti,
Che soffiannoje sotto co la bbocca,
Li vanno a ssollevà ssopr’a li tetti.

Si in questo quarche nnuvolo se tocca,
Sce se fanno cqua e llà ttanti bbuscetti,
E allora piove ggiú, ggrandina e ffiocca.

8 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 276 volte