Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La lègge a Rroma sc’ è, ssori stivali:
Io nun ho ddetto mai che nun ce sia:
Ché er Governo ha ttrescent’una scanzia
Tutte zeppe de bbanni-ggenerali.

E mmanco vederete caristia
D’abbati, monziggnori e ccardinali
Giudisci de li sagri tribbunali,
Da impiccavve sur detto d’una spia.

La mi’ proposizzione è stata questa,
C’un ladro che ttiè a mmezzo chi ccommanna
E ccià donne che ss’arzino la vesta,

Rubbassi er palazzon de Propaganna,
Troverete er cazzaccio che l’arresta,
Ma nun trovate mai chi lo condanna.

8 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 1288 volte