Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Va’ in d’una strada, indove sce se fa
Cquarche gran scavo in de la terra, e ttu
Vederai che ggnisuno sa ppassà
Si nun z’affaccia e ssi nun guarda ggiú.

Che conziste sta gran curiosità?
Nun è la terra ggiú ccome che ssú?
Cosa spera la ggente in quer guardà?
Che sse scopri er burrò dde Bberzebbú?

Ma cquest’è ‘r peggio ch’io nun zo ccapí,
Che ssibbè nnun c’è un cazzo da vedé,
Invetrischeno l’occhi, e stanno llí.

Er monno dunque è ppiú cojjon de mé
Che mme ne sto su sta loggetta, e cqui
Gguardo in celo le stelle e cquer che cc’è.

11 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 382 volte