Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LO SPOSALIZZIO DE LA MADONNA

Giuseppe Gioacchino Belli

La santissima Vergin’ Annunziata,
Inteso c’averebbe partorito,
Se diede moto de pijjà mmarito
Pe ffà ar meno quer fijjo maritata.

E nun stiede a bbadà ttanto ar partito,
Perché ggià la panzetta era gonfiata:
Ma a la prima occasione capitata
Stese la mano, e ffu ttutto finito.

Su cquesto viè a cciarlà la ggente ssciocca.
Disce: «Poteva ar meno sposà cquello
Che nun fascessi bbava da la bbocca.»

Nun dicheno però cch’er vecchiarello
Accant’a cquer pezzetto de pasciocca
J’arifiorí la punta ar bastoncello.

14 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 497 volte