Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

CHI LA TIRA, LA STRAPPA

Giuseppe Gioacchino Belli

Fatto Adamo padron de l’animali,
Incominciò addrittura a arzà l’ariaccia.
Nun zalutava, nun guardava in faccia...
Come fussimo llà ttutti stivali.

Nun c’ er’ antro pe llui che ccan da caccia,
Caval da sella, scampaggnate, ssciali,
Priscissione coll’archi trionfali,
Musiche, e ccianerie pe la mojjaccia.

E l’animali, a ttutte ste molestie,
De la nescessità, ccome noi dimo,
Fasceveno vertú, ppovere bbestie.

Nun ce fu cch’er zerpente, che, vvedute
Tante tiranneríe, disse p’ er primo:
«Mó vve bbuggero io, creste futtute».

16 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 874 volte