Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SARVAZZION DELL’ANIMA

Giuseppe Gioacchino Belli

Pe ssapé er pezzo de ggener’umano
Potútose sarvà ssenza bbattesimo,
Guardate sur lunario in che mmillesimo
Er Redentore entrò ddrent’ar Giordano.

L’istess’anno, in ner giorno medemesimo
Che Ggesucristo se fesce cristiano,
Finí ar monno er Decaccolo pagano,
E ccominciò a ddà ffora er Cristianesimo.

Tutt’er gener’umano ch’era morto
Sin a cquer punto senza crede in Cristo,
S’era sarvato e sse trovava in porto.

Ma dde li morti da quer giorn’ impoi,
O Ebbrei, o Turchi, o Fframmasoni, tristo
Chi nun ha ll’acqua com’avemo noi.

19 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 1031 volte