Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun zapete chi è mmorto stammatina?
È mmorto Repisscitto, er mi’ somaro.
Povera bbestia, ch’era tanto caro
Da potecce annà in groppa una reggina.

L’ariportavo via dar mulinaro
Co ttre sacchi-da-rubbio de farina,
E ggià mm’aveva fatte una diescina
De cascate, perch’era scipollaro.

J’avevo detto: «Nun me fa la sesta;»
Ma llui la vorze fà, pporco futtuto;
E io je diede una stangata in testa.

Lui fesce allora come uno stranuto
Stirò le scianche, e tterminò la festa.
Poverello! m’è ppropio dispiasciuto.

20 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 694 volte