Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E a vvoi da bbravi! Cavajjeri jjeri,
Cavajjer oggi, e ccavajjer domani!
E ssempre cavajjeri: e li sovrani
Nun zanno antro che ffà cche ccavajjeri.

Preti, ladri, uffizziali, cammerieri
Tutti co le croscette a li pastrani.
E oramai si le chiedeno li cani,
Dico che jje le dànno volentieri.

S’incavajjèra mó cqualunque vizzio:...
Vojjo ride però, cco ttanto sguazzo
De cavajjeri, ar giorno de giudizzio.

Quanno che Ggesucristo, arzanno er braccio,
Dirà: «Ssiggnori cavajjer der cazzo,
Ricacàte ste crosce, e a l’infernaccio».

21 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 470 volte