Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’UDIENZA DE LI DU’ SCOZZESI

Giuseppe Gioacchino Belli

O ssiino du’ Scozzesi, o ddu’ scozzoni,
In tutte le maggnère èssi contento
Ch’è un gran piccolo seggno de talento
Quer méttese a ggirà ssenza carzoni.

Dunque ar paese de sti du’ porconi
Bbisoggna dí cche nun ce tiri vento;
Perché, ssi cce tirassi, oggni momento
J’annerebbeno in mostra li cojjoni.

E un Papa che cconossce le creanze
S’è ppotuto arisorve a ddà l’udienza
A sta sorte de manichi-de-panze?

rrisico, per dio!, ch’in zu’ presenza,
Ne l’inchinasse o in antre scircostanze,
J’avessino da fà cquarche schifenza!

25 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 929 volte