Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che ccos’è un frate? Un frate è un ciarafano
Morto ar monno, a la carne, a le ricchezze,
Ar commanno, a li spassi, a le grannezze,
E oggnantra spesce de consorzi’ umano.

E un omo de sta sorte ste capezze
De Cardinali lo fanno sovrano,
Padron de tutti, co le casse in mano,
E cco ttanti cannoni a le fortezze?!

E avete temp’ a ddí vvoi che a l’asscenza
De governà la bbarca de lo Stato
Sc’è lo Spiritossanto che cce penza.

Ché lo Spiritossanto, sor ciufèco,
Da uniscianni a sta parte è ddiventato
Tutt’er ritratto d’un franguello sceco.

26 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 488 volte