Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCALA DE LI STROZZI

Giuseppe Gioacchino Belli

Caro lei, va a ttentà li capoccioni,
E ffiotta poi si jj’arïessce male?!
Cqua ppe sti ggiri sce sò le su’ scale
Come da le suffitte a li portoni.

Offerenno zecchini e ddobboloni
Addrittura ar zoggetto prencipale
Che ttiè in mano la penna ar Cardinale,
C’è dd’abbuscasse un carcio a li cojjoni.

Er Zegretàr-de-Stato ha er zu’ mezzano:
Questo ha er zuo: l’antro un antro; e la strozzata
S’ha da spiggne a l’inzú dde mano in mano.

Er piú ggrosso, se sa, nnaturarmente
Se vò ssempre tené a la riparata
De poté ddí cche nnun ha avuto ggnente.

26 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 488 volte