Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pe' nun faje er battesimo davero,
ho battezzato la pupetta mia
cór vino de Frascati all'osteria,
davanti a 'no stennardo rosso e nero.

Zi' Pippo, l'oste, come un prete vero,
pijò la pupa, la chiamò Anarchia,
e biastimò la Vergine Maria
per un riguardo ar libbero pensiero;

doppo du' o tre bevute, er comparetto,
a cavallo a 'na botte de Frascati,
ce fece un... verso e recitò un sonetto;

mentre la pupa, ner vedé 'ste scene,
pareva che guardasse l'invitati
come pe' dije: — Cominciamo bene!



Questa poesia è stata letta 2205 volte