Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MESSA DE SAN LORENZO

Giuseppe Gioacchino Belli

Un giorno, a Ssan Lorenzo, entrò un ziggnore
E aggnéde in zagristia co un colonnato,
Acciò un prete sciavessi scelebbrato
Una messa d’un scudo de valore.

Er prete in ner momento fu ttrovato:
La messa se cantò a l’artar-maggiore;
E un’anima purgante ebbe l’onore
De volà in paradiso a bbommercato.

Ma appena er prete se cacciò la vesta,
Accortose la piastra ch’era farza,
Attaccò un Cristo, e ffesce una protesta.

E ll’anima sarvata ebbe er martorio,
Stante la messa che nnun j’era varza,
De tornassene addietro in purgatorio.

26 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 332 volte