Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BÚSCIO DE LA CHIAVE I

Giuseppe Gioacchino Belli

Gran nove! La padrona e cquer Contino
Scopa de la scittà, spia der Governo,
Ar zòlito a ttre ora se chiuderno
A ddí er zanto rosario in cammerino.

«Ebbè,» cominciò llei cor zu’ voscino,
«Sta vorta sola, e ppoi mai ppiú in eterno.»
«E cche! avete pavura de l’inferno?»
J’arisponneva lui pianin pianino.

«L’inferno è un’invenzion de preti e ffrati
Pe ttirà nne la rete li merlotti,
Ma nnò cquelli che ssò spreggiudicati.»

Fin qui intesi parlà: poi laggni, fiotti,
Mezze-vosce, sospiri soffogati...
Cos’ averanno fatto, eh ggiuvenotti?

29 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 1396 volte