Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dunque nun c’è ppiú inferno! alegramente.
Ecco er tempo oramai de fasse ricchi.
Dunque er dellà è un inzoggno de la ggente,
E nnun resta ch’er boja che cc’impicchi.

Sgabbellato l’inferno, ar rimanente
Se saperà ttrovà chi jje la ficchi.
Li ggiudisci nun zò Ddio nipotente,
E cqui abbasta a spartí bbene li spicchi.

La lègge, è vvero, è una gran bestia porca;
Ma l’inferno era peggio de la lègge,
E ffasceva ggelà ppiú dde la forca.

L’onor der monno? e cche ccos’ è st’onore?
Foco de pajja, vento de scorregge.
Er tutto è nnun tremà cquanno se more.

29 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 378 volte