Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fijji, a ccasa der diavolo se vede,
Tutt’ in un mucchio, facce, culi e ppanze,
E ggnisuno llaggiú ppò stacce a ssede
Co le duvute e ddebbite distanze.

Figurateve mó ccosa succede
Fra cquelle ggente llà ssenza creanze!
Carci, spinte, cazzotti: e ss’ha da crede
Scànnoli d’oggni sorte e ggravidanze.

Sí, ggravidanze: e cchi ppò ddí er contrario?
Quanno se sa cc’ar giorno der giudizzio
Ce s’annerà cco ttutto er nescessario?

Ommini e ddonne! oh ddio che ppriscipizzio!
Come a l’inferno er Cardinal Vicario
Troverà mmodo da levajje er vizzio?

29 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 405 volte