Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Conzideranno come sò accidiosi
Sti pretacci maliggni e ttraditori:
Esaminanno quanto sò rrabbiosi,
Jotti, avari, superbi, e fottitori;

Ripijji un po’ de fiato, t’arincori,
T’addormi ppiú ttranquillo e tt’ariposi:
Perché li loro vizzi piú ppeggiori
Serveno a illuminà lli scrupolosi.

È er Crero che cc’impara a ffà ll’istesso,
Er Crero, c’ha scordato er gran proscetto
D’amà er prossimo suo com’e ssestesso.

Mentre li preti offènneno er decoro
E la lègge de Ddio j’è mmorta in petto,
Chi vvorà rrispettà lla lègge loro?

30 aprile 1834

Questa poesia è stata letta 1092 volte