Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nun prenno pasqua: ebbè? scummunicato
Ho ppiú ffed’io, che un Giuda che la prenne;
Perché un bijjetto se crompa e sse venne,
E er chirico ne sa ppiú der curato.

E nnun ce vò ggran testa per intenne
Ch’er corpo de Ggesú Ssagramentato
Tanti vanno a mmaggnasselo in peccato
Come le colazzione e le merenne.

E ss’io pe nnun commette un zagrileggio,
Nun essenno indisposto a cconfessamme,
Soffro l’infamia, er tabbellone, e ppeggio,

Credo d’èsse ppiú ffijjo de la Cchiesa,
Che cquelli che sse crompeno le fiamme
Co un boccone o ttre ppavoli de spesa.

11 maggio 1834

Questa poesia è stata letta 320 volte