Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BATTESIMO DER FIJJO MASCHIO

Giuseppe Gioacchino Belli

Cosa sò sti fibbioni sbrillantati,
Sto bber cappello novo e sto vistito?
Sta carrozza ch’edè? cch’edè st’invito
De confetti, de vino e dde ggelati?

E li sparaggni tui l’hai massagrati,
Cazzo-matto somaro sscimunito,
Perché jjeri tu’ mojje ha ppartorito
Un zervitore ar Papa e a li su’ frati?!

Se fa ttant’alegria, ttanta bbardoria,
Pe bbattezzà cchi fforzi è ccondannato,
Prima de nassce, a cojje la scicoria!

Poveri scechi! E nnun ve sete accorti
Ch’er libbro de bbattesimi in sto
Stato Se potería chiamà llibbro de morti?

22 maggio 1834

Questa poesia è stata letta 589 volte